Farmacoeconomia

BMJ SU FARMACI INNOVATIVI

Tra il 2011 e il 2017 l’Institute for Quality and Efficiency in Health Care ha immesso 216 medicinali nel mercato tedesco. Solamente 54 (il 25%) si sono rivelati superiori ai precedenti garantendo effettivi benefici sulla salute. In altri 35 casi (16%), i vantaggi erano minimi e difficilmente quantificabili. Per i rimanenti 125 farmaci (58%) non

Farmacoeconomia

VALUE-BASED PRICING PER I NUOVI FARMACI

C’è una relazione tra trasparenza dei prezzi e “value-based pricing”. Sono due concetti collegati molto strettamente l’uno con l’altro. Dato che il “value-based pricing” rappresenta una regola esplicita, l’applicazione di questa regola per ciascun farmaco presuppone che i prezzi siano trasparenti. Vai all’articolo

Farmacoeconomia

SIF: FARMACI IN EVIDENZA DI LUGLIO

Nel numero di luglio di Farmaci in evidenza, newsletter della SIF (Società’ Italiana di Farmacologia), sono riportati alcuni interessanti articoli fra cui uno sulle determinanti della differenza tra il prezzo proposto dalle aziende farmaceutiche e il prezzo finale di farmaci dopo negoziazione in AIFA.

Farmacoeconomia

COST EFFECTIVENESS PER TERAPIE CAR-T

I ricercatori dell’Università di Stanford hanno valutato la “convenienza” di due terapie Car-T recentemente approvate per il linfoma diffuso a grandi cellule B negli adulti. Si tratta di axicabtagene ciloleucel (nome commerciale Yescarta) e tisagenlecleucel (Kymriah) con un prezzo di listino di 373mila dollari (327mila euro circa). Vai all’articolo

Farmacoeconomia

INGHILTERRA: 300 MILIONI DI £ DAI BIOSIMILARI

In Inghilterra, come riportato da Pharmaceutical Journal, l’implementazione del programma di passaggio dal branded ai biosimilari, avviato nel dicembre 2018, avrebbe riguardato circa 50.000 pazienti, prevalentemente assistiti tramite servizio domiciliare. Vai all’articolo

Farmacoeconomia

PIEMONTE: RISPARMI CON GARE AGGREGATE FARMACI

Le 17 gare hanno consentito al servizio sanitario nazionale un risparmio complessivo di 64 milioni di euro. L’importo aggiudicato è stato infatti pari a 81 milioni di euro, con una riduzione dei costi del 56% rispetto ai 145 milioni calcolati inizialmente utilizzando i fabbisogni e i prezzi aggiudicati in precedenza. Vai all’articolo

Farmacoeconomia

CREA SANITA’ SU SOSTENIBILITA’ INNOVATIVI

L’analisi di CREA Sanità non discute del valore dell’innovazione ma del suo impatto e della sua sostenibilità. Vincere la sfida di trattare tutti i pazienti eleggibili ai trattamenti, presenti e futuri, è questione davvero complessa, basta pensare alle cosiddette advanced therapies di ultimissima generazione per renderci consapevoli che l’impatto sarà certamente importante.