Associazione pazienti

STUDIO SU RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE ONCOLOGICO

Rendere più “umane” le cure, può migliorare la qualità delle vita delle persone colpite dal cancro in una misura variabile dal 10% al 25%. La prima dimostrazione scientifica di questo risultato è stata presentata in questi giorni all’Asco di Chicago. Lo studio è stato promosso dall’Aiom, Medea Medicina e arte Onlus, associazione di volontariato di Cremona.

Vai all’articolo